L’olio per la cura della pelle

Sin dall’antichità sono riconosciute le proprietà degli oli per la cura della pelle e nel tempo l’olio per il corpo si è confermato un immancabile strumento di protezione contro il freddo e le screpolature e per il nutrimento più profondo dell’epidermide.

w_ stockimages_fdph_pelle_morbida_

L’olio, infatti, a differenza della crema, è composto unicamente da sostanze lipofile che, legandosi ai lipidi della pelle, penetrano più in profondità e formano sulla superficie una pellicola protettiva che assicura anche il mantenimento del giusto livello di idratazione. La sua efficacia è dovuta al fatto che esso deriva dalla spremitura, preferibilmente a freddo, di semi, frutti, noccioli e altre parti di piante. Ciò consente di ricavare sostanze lipidiche molto preziose e dall’azione emolliente e idratante, sostanze perfettamente compatibili con i lipidi della pelle e questo ne garantisce il perfetto assorbimento e la massima efficacia per una pelle morbida, elastica e nella stimolazione dei fibroblasti, utili per il rassodamento e il rinnovamento cellulare.

Tra i più conosciuti, l’olio di mandorle, elasticizzante e antismagliature, adatto anche alla pelle delicata e sensibile dei più piccini, l’olio di Argàn dall’azione nutriente, protettiva e riparatrice, l’olio di avocado, altamente nutriente e dalle proprietà antiossidanti, l’olio di jojoba, dall’estrazione dei semi di jojoba, è molto simile al sebo dell’uomo e lo troviamo impiegato in molti cosmetici, adatto alla cura di pelle e capelli secchi e sfibrati. L’olio di rosa mosqueta, infine, è efficace contro rughe,  smagliature, macchie dell’età e utile nella regolarizzazione della produzione di sebo e nel rinnovamento delle cellule cutanee.

Oggi in commercio si apprezzano interessanti novità per la cura dei capelli e del viso, con prodotti antietà e in grado di agire nelle ore notturne, prodotti per l’idratazione quotidiana di pelli normali e ancora oli dedicati al make-up come, ad esempio, l’olio rinforzante per le ciglia!

Foto: stockimages per www.freedigitalphotos.net
Condivi con