Realizzare il trucco da sposa

Realizzare un make up da sposa è sicuramente uno dei lavori più impegnativi per un truccatore poiché richiede molta preparazione tecnica e  buona dose di psicologia e senso pratico. Bisogna infatti interpretare l’idea di un sentimento e allo stesso tempo valorizzare la bellezza della donna.

Il trucco da sposa ha tre caratteristiche importanti quali la portabilità, la fotogenia, la durata.
Quando si parla di portabilità significa realizzare un trucco adatto per quella particolare donna, che ne rappresenti appieno la personalità, senza imporre il proprio punto di vista. A tale scopo sarà molto importante eseguire delle prove preventive e preparatorie.

trucco_sposa_Ci vuole precisione e cura dei dettagli in quanto il trucco sposa sia deve risultare armonico sia in foto che dal vivo. Altri elementi da considerare nella scelta del look sono l’abito, i fiori, il luogo e il periodo dell’evento. Si può scegliere di richiamare con i colori del trucco alcuni dettagli dell’abito e dei fiori oppure ispirarsi al tema scelto per l’evento, se possibile, ad esempio stile anni cinquanta, figlia dei fiori, matrimonio celtico e così via.

Uno dei requisiti più importanti del trucco da sposa è la durata, motivo per il quale questo make up richiede tempi di lavorazione molto lunghi rispetto a un trucco normale e un maggior numero di prodotti ad hoc, il che lo rende anche più costoso. Per renderlo duraturo, un trucco ha bisogno di una buona preparazione della pelle, importantissima è la skincare sia prima dell’evento, con trattamenti mirati, che durante, grazie all’impiego di creme e primer specifici. Segue l’uso alternato di prodotti in crema e in polvere per un fissaggio ottimale. I cosmetici dovranno essere in questo caso altamente performanti (la buona qualità dipende dal prodotto in sé e non come erroneamente si crede dalla marca prestigiosa e dal prezzo) e specifici per il tipo di pelle.

La base dovrà essere il più possibile opaca per evitare l’effetto lucido. Le scuole tradizionali stabiliscono infatti di usare esclusivamente colori opachi ma, oggigiorno, grazie alle tecniche di fotoritocco è possibile adottare anche colori shimmer e satinati. Naturalmente è importante sfumare bene fondotinta e prodotti da contouring in modo tale da rendere visibile l’effetto del make up senza però renderlo pesante. A questo proposito consiglio di truccare la sposa sfruttando il più possibile la luce naturale.

Per una resa migliore sia in foto che dal vivo, per il trucco da giorno è meglio evitare colori molto scuri e brillanti, optando per un mix di satinati e opachi neutri o tinte pastello. Sconsigliabile bordare l’occhio con l’eyeliner che indurisce lo sguardo, meglio una matita morbida o un ombretto bagnato applicato col pennello inumidito. Su guance e labbra i colori luminosi e delicati risalteranno maggiormente.

Di pomeriggio e di sera è possibile osare con colori più intensi e scuri e sfumature grafiche, tenendo ben presente, però, che la luce artificiale tenderà a sbiadire e raffreddare i toni. L’altro elemento fondamentale da considerare è la fotogenia, ossia la buona resa del make up a livello fotografico.

Indispensabile il mascara waterproof per evitare che coli con le lacrime e, se la stazione lo richiede, è bene realizzare tutto il make up con prodotti resistenti all’acqua che consentiranno una maggior durata dello stesso in base, ovviamente, anche al tipo di pelle trattata.

Per le labbra è possibile sostituirle il rossetto con le tinte labbra, molto più durature. Esistono in commercio anche spray fissanti e sigillanti per rossetti, i migliori sono a base alcolica ma seccano la pelle quindi vanno usati con cautela e in piccole dosi.

Con l’airbrush make up, il trucco eseguito con aerografo, la base risulterà leggera e resistentissima, specialmente usando i cosmetici a base siliconica. Utilissime le veline sebo-assorbenti, veri e propri salva trucco!

Condivi con